giovedì 19 gennaio 2017

Poesia Selvaggia - Nizar Qabbani

(...)
Mia corolla di fiori, mia foresta d'henné, proteggimi.
Spogliati...
e lascia cadere la pioggia sulla mia sete.
Consumati come cera nella mia bocca
e impastati con ogni mia parte...
Spogliati...
e separa le mie labbra... come fece Mosè nel Sinai.

Nessun commento:

Posta un commento