martedì 3 marzo 2015

Sono rare le volte in cui mi rendo conto di non provare nulla. Ma oggi mi sono sentita così, una pietra, di fronte a questa donna sconclusionata e irritante che non sa quel che dice, mi tormenta, domanda, istiga, recita. Mi sono vestita di gomma, nessuna emozione in arrivo. Solo fastidio per la sua presenza, per lo sforzo di doverle rispondere. Fino alla sua accusa: sei fredda. Questo è arrivato, mi ha trafitto, ho provato vergogna. Avrei voluto dirle: è vero, è così, mi fai provare freddezza da un bel po', non ti sopporto, mi hai stancato, voglio ignorarti. Invece un bel discorso falso sui rapporti professionali. Ma non serve, con lei. Non coglie il senso di quel che le si dice, nemmeno delle bugie. Se ne va dicendo il contrario, cercando di sedurre la mia attenzione nei suoi confronti. Mi sento invadere di nuovo da quel fastidio, vattene il prima possibile. Che fatica, sto sbagliando. Ma sono sentimenti, questi, come si possono calibrare??

Nessun commento:

Posta un commento