mercoledì 31 luglio 2013

Certo, vieni, io ti aspetto, non ho nessun altro desiderio. Mi preparo, mi specchio, mi profumo, mi agito, apro la porta, sbircio dalla finestra. Sei il fine, la fine, l'inizio, il tempo, lo spazio. Vieni, occupami, distraimi, concentrami, guariscimi. Ti aspetto, nient'altro, ti desidero da ogni nervo. Spengo il telefono, spengo la luce, spengo ogni cosa che distolga l'attenzione da te, dal pensiero di te, dalla tua forma che passa la soglia. Sei pura, incantata, fresca, sei il mio destino. Vieni.



2 commenti: