domenica 13 maggio 2012

Sogni

Ci alziamo, increduli di aver sognato quello che abbiam sognato. 
Ma fingiamo, simulando stupore, di non sapere.
E' così ovvio
che io sogni di ridere...
Non sono altro che desideri, difficili da dire, paure tremende, che albergano sotto la pelle.
La mancanza di coscienza pare una buona giustifica, come fosse il cervello di un altro...
Siamo così bugiardi da avere il continuo bisogno di non-essere-noi. Di un bicchiere per dire la verità, di un orgasmo per parlare d'amore, di un sogno per vivere quello che non realizziamo.



Nessun commento:

Posta un commento